Perché il bambino piange appena lo metto giù?

Il modo più semplice e ovvio per un bambino di comunicare con i suoi cari è attraverso il pianto. A volte un bambino piange appena lo metto giù. Quando questo diventa sistematico, è vero, è fastidioso sia per la madre che per il bambino stesso. Perché un bambino dovrebbe piangere appena viene lasciato per un po’? Il fatto di abbatterlo non sarebbe una ragione apparente? Rispondiamo a tutte queste domande.

Comprendere un bambino che piange

Per scoprire perché un bambino si lamenta ogni volta che ci si allontana un po’ da lui, bisogna sapere come decifrare il pianto di un bambino. Questo perché un bambino si farà avanti per esprimere vari bisogni e preoccupazioni. Che si tratti di problemi, fame, disagio, dolore o qualsiasi infelicità, è attraverso il pianto che un bambino si manifesterà. Quanto ai genitori, spesso non hanno altro riflesso che offrire il conforto delle loro braccia. Questo non sempre corrisponde alla richiesta del denunciante.

La prima cosa che i genitori devono sapere è che un neonato è programmato per piangere almeno 2 ore al giorno. È stato dimostrato che circa 25% dei bambini sono in grado di piangere quasi 3 ore al giorno.

Un neonato indossa un body bianco con una testa di orso. Piange tra le braccia della madre che lo adagia su una coperta bianca
Il pianto è del tutto normale per un neonato, è il suo unico mezzo di espressione nei primi mesi di vita
.

Cosa dicono i ricercatori sul pianto?

I primi 3 mesi sono quando i bambini piangono di più. Tutte le indagini concordano nell’affermare questo. È anche durante questo periodo che il pianto segue uno stereotipo chiamato curva del pianto. Dalla 2a alla 3a settimana di vita, il pianto del bambino si intensifica. Questa intensificazione ha un picco tra la 6e e la 8e settimana circa, per poi diminuire gradualmente fino alla 12e settimana di vita.

Nelle prime 12 settimane, un bambino può piangere improvvisamente e spontaneamente e cadere in silenzio così bruscamente come ha iniziato, senza alcuna possibilità di conoscerne la causa. Questo accade soprattuttoal calar della notte. Né il latte materno né la persuasione possono aiutare. Non c’è bisogno di preoccuparsi di questo fenomeno. È normale. Il dovere dei genitori a questo punto si limita a far sentire al bambino che tu sei lì per lui.

Lasciare piangere un bambino: è una buona idea?

Consolare un bambino ogni volta che piange lo fa piangere. Quando si rende conto che viene accudito prontamente, prova affetto e serenità. Secondo una certa saggezza convenzionale:

.
  • un bambino che piange è manipolativo;
  • lasciare che un bambino pianga lo rende forte e rafforza i suoi polmoni.

Questo non è assolutamente il caso. È importante diffidare di questo tipo di saggezza convenzionale.

Mentre è bene consolare un bambino, è importante evitare di scuoterlo. Perché? Il cervello di un bambino è molto fragile. Le scosse contro il cranio potrebbero creare danni cerebrali o addirittura costare la vita del bambino.

Bambino che piange: cosa fare

Il pianto ha un significato?

Anche se non è unanimemente condiviso, per alcuni ricercatori, i neonati hanno una gamma di grida, per esprimere diverse emozioni. Così, la fame, il dolore, la noia, il bisogno di essere accoccolati tra le braccia della mamma, sono tutti espressi con un pianto appropriato. Inoltre, secondo l’opinione di diversi esperti, mentre il pianto non fornisce un’indicazione precisa della loro causa, fornisce una misurazione dell’intensità del dolore. Alcune madri osservanti e attente, riescono a indovinare certi desideri del loro piccolo.

Appena un bambino ha 3 mesi, comincia a sviluppare certi riflessi per interagire e comunicare meglio con chi lo circonda. Può quindi esprimersi con grida distinguibili:
  • Per far capire che ha fame, il suo pianto è dapprima leggero e lento, poi intenso, rapido e ritmico.
  • I pianti acuti, striduli e brevi, ritmati fino a sembrare melodiosi, sono espressione di dolore.
  • La stanchezza e la noia, invece, fanno sentire pianti sommessi, che si alternano a silenzi di qualche minuto. Queste grida si intensificano quando non viene offerta alcuna soluzione.
una bambina vestita tutta di rosa si strofina gli occhi per indicare che è stanca
Un bambino si strofina gli occhi per la stanchezza: è ora di dormire

Alcuni motivi plausibili per piangere

  • Durante una poppata, se iniziano le lamentele, il bambino è certamente sazio, o sta lottando con il mal di pancia.
  • Quando inizia a piangere mentre è in braccio alla mamma, è certamente esausto e preferisce dormire; la probabilità che abbia fame non può essere esclusa anche se ha poppato per poco tempo (2 ore). L’improvviso bisogno di succhiare può essere la causa. Può anche essere una questione di distrazione o di stimolazione. La musica, un giocattolo, una coccola, un massaggio possono soddisfarlo. Tale pianto può essere dovuto a disagio: un pannolino invariato, calore, freschezza o rossore.
  • Quando il bambino è solo nel lettino e si verifica il pianto, un pannolino bagnato, calore o freschezza può essere la causa. Quando un bambino ha dormito abbastanza, vuolescendere dal letto. Vuole certamente compagnia. Tra 2 cicli di sonno, si può sentire il pianto. Se questo è il caso, bastano pochi minuti perché il tuo piccolo torni tra le braccia di Morpheus.

Il bambino piange appena lo metto giù: perché?

Non è raro sentire che un bambino è capriccioso. I bambini molto piccoli non sanno ancora nulla dei capricci. È semplicemente un fatto, che hanno solo il pianto per esprimere bisogni o una condizione che è scomoda per loro. Le prime persone che un bambino riconosce sono soprattutto i suoi genitori. Come? Dai loro odori, dalle loro voci, dal modo in cui lo stringono.

Un bambino che viene messo giù può piangere perché si sente insicuro. Questo è un punto importante per i bambini. Chiunque non conosca ispira insicurezza ai loro occhi. Qualsiasi spazio in cui i bambini si trovano, ispira comfort e sicurezza solo se la mamma è vicina. Insomma, la sicurezza e il comfort sono strettamente legati alla persona e alla presenza dei genitori. Le braccia della mamma sono le più comode, quelle del papà le più sicure. Quando il bambino cresce e comincia a conoscere molte persone, impara ad attaccarsi ad altre persone come i fratelli.

Alcune madri portano il loro bambino costantemente. Questo non impedisce al bambino di piangere quando vuole. Questo dimostra che non è solo il bisogno di sicurezza che fa piangere un bambino non appena lo metti giù.

un bambino viene portato in braccio dalla madre che lo tiene stretto. il bambino si guarda intorno con un po' di paura. il bambino piange appena lo metto giù
Tenere un bambino in braccio lo rassicura di fronte a questo mondo strano e poco familiare per lui

La risposta dei genitori al pianto gioca nel comportamento del bambino

.

Possiamo osservare da qualche parte che non tutti i bambini piangono sistematicamente quando la mamma li lascia. Forse questo fenomeno ci darà qualche indizio per la risposta. Uno studio ha trovato prove del pianto del bambino in relazione alla reazione a quel pianto, da parte dei genitori, in particolare della madre.

2 gruppi di bambini sono stati osservati durante i primi tre mesi dopo la nascita.

Nel primo gruppo di bambini, alle madri è stato consigliato di rispondere immediatamente al lamento del loro bambino tenendolo e coccolandolo. Nel secondo gruppo di bambini, le madri sono state istruite a ignorare il bambino non appena lui o lei ha iniziato a piangere. Naturalmente, hanno dovuto rassicurarsi che non si trattava di fame.

I primi 3 mesi hanno già mostrato risultati significativi. I bambini del primo gruppo hanno sviluppato un riflesso di piangere non appena venivano messi giù. E se uno li trascinava per raccoglierli, persistevano finché non venivano raccolti. E se qualcuno diverso dal padre o dalla madre prendeva un bambino del primo gruppo, esso continuò a piangere fino a quando uno dei suoi progenitori lo prese in braccio. I primi momenti sono stati particolarmente difficili per i bambini del 2° gruppo. Questi bambini piangevano molto e alla fine, però, svilupparono il riflesso di gridare per indicare un bisogno e poi tacere da soli se non venivano soddisfatti. Ma riprendevano pochi istanti dopo. Tuttavia, quando era la fame ad attanagliarli, erano pronti a piangere fino allo sfinimento. Naturalmente, non sono stati spinti a questo estremo. All’inizio, questi bambini, come quelli del primo gruppo piangono appena vengono messi giù.

Il risultato sul bambino secondo la reazione dei genitori

Lo stesso esperimento è stato continuato con gli stessi gruppi di individui fino a quando i bambini avevano 6 mesi. Cosa è stato trovato?

Davanti a una casetta di legno, 2 genitori e il loro bambino in primo piano. Il padre abbraccia la madre e avvicina il suo viso al bambino che viene portato in braccio dalla madre.
La complicità si stabilisce fin dai primi mesi

I figli del 1° gruppo:

  • hanno sviluppato un affetto molto forte verso il loro genitore;
  • sono diventati molto dipendenti dai loro genitori;
  • non sopportano la minima assenza dei progenitori;
  • sentire la voce del loro genitore, potrebbe essere sufficiente a consolarli, ma non a calmarli;
  • hanno un’avversione ad andare nelle braccia degli altri;
  • sorridevano agli altri solo quando erano stretti tra le braccia dei genitori;
  • sono diventati impazienti; quando glielo facevano addosso, fino al cambio del pannolino, potevano urlare istericamente fino al cambio del pannolino;
  • non appena i genitori li mettevano giù,anche se solo per pochi secondi, iniziavano a piangere.

Per quanto riguarda i bambini del 2° gruppo:

  • avevano sviluppato una indifferenza o addirittura quasi un disinteresse nei loro genitori;
  • piangevano solo per chiedere il seno o per segnalare il disagio;
  • al di là della fame, per qualsiasi altro bisogno, questi bambini accettavano di stare in braccio ad altri;
  • erano felici ogni volta che c’era una presenza straniera, e si sentivano sicuri con quasi tutti;
  • questi bambini erano diventati pazienti e tendevano ad essere indipendenti quando potevano. Così, quando facevano su di loro, dopo un breve pianto, aspettavano che il pannolino fosse cambiato.
  • Quando i genitori li mettevano giù, non sentivano il bisogno di essere presi di nuovo in braccio. Meglio ancora, quando erano tra le braccia di uno dei loro genitori e si sentiva una nuova presenza, tendevano a desiderare il contatto con essa.

Cosa possiamo concludere da questa esperienza?

.

La prima cosa che salta all’occhio è che i bambini si adattano alle condizioni proposte loro. Il bambino nasce con istinti primari che cambiano più o meno a seconda delle circostanze in cui viene messo. Così, per capire meglio un bambino che piange appena viene messo giù, oltre a tutto ciò che può far piangere un bambino, bisogna mettere in discussione il proprio comportamento come genitore.

Così possiamo dedurre da questa esperienza che come genitori facciamo i figli, quello che diventano. Inoltre, c’è stato anche un cambiamento degli atteggiamenti dei genitori nei confronti dei loro figli. Le madri che sono state istruite a reagire prontamente alle richieste del loro bambino sono diventate quasi troppo attaccate al loro bambino. Incapace di fare tre passi senza girarsi per vedere se il bambino ha bisogno di qualcosa; anche quando dorme. Sembra una caricatura, ma è così. Al contrario, le madri che sono state istruite a giocare duro per ottenere, hanno sviluppato l’indifferenza reciproca verso il loro bambino. C’è anche una sorta di insensibilità da parte di queste madri verso le angosce del loro piccolo. Come farlo smettere di piangere /wp:heading –>

Può succedere che un bambino, nonostante una certa indifferenza nei suoi confronti, persista nel richiedere attenzione. Non si dirà mai abbastanza, un bambino che piange non lo fa per infastidire. Non è abbastanza maturo per manipolare qualcuno. L’esperienza ha dimostrato che fino a quando un bambino non si sente sicuro nel suo ambiente, non riesce a trovare un equilibrio di indipendenza. È quindi consigliabile rassicurare un bambino che piange, non abbracciandolo sistematicamente, ma mostrandogli che tu ci sei:

  • coccolandolo;
  • cantando canzoncine;
  • sussurrandogli all’orecchio;
  • dandogli abbastanza attenzione da farlo sentire appagato.

Possiamo poi staccarci quando sentiamo che sta meglio e ritrova la sua compostezza. È solo quando il bambino ritrova la serenità, che riesce a prendere l’indipendenza. Nell’esperimento che abbiamo menzionato sopra, un bambino che conosce la frustrazione per molto tempo alla fine si adatta e diventa indipendente. Ma tutti i bambini sono capaci di tale adattamento?

Un bambino che è stato frustrato per molto tempo può non riuscire a diventare indipendente. Al contrario, può diventare sempre più ansioso, e questo non è di buon auspicio per la salute psicologica del bambino. È quindi il mezzo felice a cui è opportuno mirare. Cosa significa questo? In termini pratici, è meglio non ignorare mai il pianto di un bambino. D’altra parte, non si tratta di metterlo automaticamente in braccio. Il bambino sarà quindi in grado di ottenere l’indipendenza pur continuando a sentire l’attenzione dei suoi genitori.

Gli abbracci materni

una mamma abbraccia sua figlia e la bacia sulla guancia
Abbracci sì, ma non troppi

A torto o a ragione, alcuni genitori abbracciano ad ogni passo. Questo può anche infastidire un bambino. Non tutti i bambini amano stare sempre in braccio alla mamma. Ogni bambino ha un proprio temperamento. Mentre la maggior parte dei bambini si stacca dalla madre, quando arriva la pubertà, alcuni diventano indipendenti molto presto.

Puoi lasciarti scoprire le cose solo quando sei abbastanza sicuro di te. Questa fiducia si trova con i suoi genitori. Sapere che può contare su di loro, lo rende sereno. Alcuni bambini sono naturalmente zen e altri lottano spesso con l’ansia. Essere un buon ascoltatore, permette ai genitori di sapere cosa fare riguardo al temperamento di un bambino. Essendo disponibili senza essere indispensabili, si riesce ad adattarsi alle loro esigenze.

Il tanto raccomandato giusto equilibrio è non così ovvio per i genitori. Eppure, è il loro lavoro guidare la nave. Anche i genitori hanno il loro temperamento. Una madre troppo attenta può soffocare il suo bambino senza volerlo. Da qui la necessità di imparare a distaccarsi, e di sapere come insegnare a tuo figlio a stare bene sia che tu sia con lui o no. I nonni, la tata o anche l’asilo nido sono tutte possibilità da sfruttare.

La comunicazione dell’emozione

È fondamentale sapere che i bambini hanno una sensibilità che è in superficie. Possono sentire ogni piccola sensazione, ogni stato d’animo. Quando sei nervoso, il bambino lo sente e si mette in quello stato anche lui. Quando noi siamo rilassati, lui è altrettanto rilassato. Quindi, quando si tratta di consegnare il vostro bambino alla tata, dovreste farlo in uno stato rilassato e sereno. Il bambino lo sente. E questo rende le cose più facili.

Infine, notate che quando un bambino acquista fiducia, non piange più non appena viene messo giù; a meno che non abbia un altro problema. Abbiamo menzionato sopra le possibili cause del pianto. È quindi vitale permettere a un bambino di trovare i suoi piedi intorno a lui, nel mondo esterno. Per fare questo, per esempio, bisogna lasciarlo quando non è richiesto. Evitare di essere sempre presente lo aiuterà a diventare più indipendente. Essere presente quando ne ha bisogno lo rassicurerà.

Hai affrontato questo problema? Come l’hai vissuto? Ditecelo nei commenti.

Carrello
Torna su

-10% DI SCONTO MEDIATO

+1 possibilità di vincere un prodotto gratis

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e ottieni subito il 10% di sconto sul tuo ordine e la possibilità di vincere un prodotto gratuito.