5 consigli per far dormire il tuo bambino nel suo letto

I 5 consigli per far dormire il bambino nel suo letto per rassicurare mamme e papà. Diventare genitori è un vero chamboulement nella nostra vita quotidiana, quindi dobbiamo imparare ad adattarci al nostro bambino e fornire un quadro per preservare il nostro sonno. Per fare questo dobbiamo prima scoprire il funzionamento del sonno dei bambini e capire cosa succede loro al momento di dormire.

Infatti, anche se sembra una sciocchezza, in pratica, molti di noi incontrano difficoltà nel far dormire il nostro bambino nel suo letto. Lasciate che vi rassicuri, non siete soli, molte famiglie incontrano questo tipo di difficoltà. Il passaggio dal co-sleeping con la mamma al lettino è una fase difficile sia per la mamma che per il bambino.

A lungo andare questo può creare tensione nella nostra relazione e logorarci. State tranquilli, vi daremo alcune spiegazioni e alcuni semplici consigli da mettere in pratica affinché il vostro bambino possa finalmente dormire tranquillamente da solo nella sua stanza. Potrai finalmente avere di nuovo notte tranquille e serene e la tua stanza diventerà un luogo di riposo e gioia.
class=
5 consigli per far dormire il tuo bambino nel suo letto 5

In effetti, i bambini hanno il loro ciclo, quindi non puoi aspettarti che copino il tuo. Tuttavia, sta a voi imparare e abituare gradualmente il vostro bambino a regolare e a dormire da solo nella sua stanza. Questa distanza non è ovviamente possibile durante i primi tre mesi di vita del bambino, durante i quali ha bisogno di una presenza costante al suo fianco.

Ma una volta che questo periodo è passato, puoi iniziare gradualmente a far dormire il tuo bambino prima nel suo letto accanto al tuo, e poi nella sua stanza, da solo. Questo passo è cruciale nello sviluppo dell’indipendenza del bambino. È anche necessario per i genitori che hanno bisogno di stare insieme come coppia.

Ma per ottenere questo, dovete prima comprendere come funziona il sonno di vostro figlio.

Cos’è il ritmo circadiano?

Il ritmo circadiano è, per definizione, il ciclo “giorno/notte” che tutti sperimentiamo da adulti. Si tratta di un’evoluzione dei cicli biochimici che hanno luogo nel nostro corpo durante un giorno intero. Quando il sole cala, ci sentiamo stanchi, poiché il nostro corpo secerne melatonina. D’altra parte, alle prime luci del mattino, il nostro corpo si sveglia, perché smette la produzione di questo ormone del sonno.

Negli adulti questo ciclo è ben praticato e salvo eccezioni o malattie, il nostro corpo ci fa capire giorno dopo giorno a quando riposare e viceversa. Nei neonati, le cose sono molto diverse, per loro non esiste un ciclo fisiologico naturale durante i tre mesi dopo la loro nascita.

Sono quindi punteggiati da fasi di riposo e fasi di veglia durante le quali hanno solo bisogno di nutrirsi e soddisfare i loro bisogni fisici. Il giorno e la notte non hanno alcuna influenza sui piccoli, il che spiega le molte notti insonni che molti giovani genitori hanno dovuto affrontare.


Il tempo reale di sonno del tuo bambino .

class=
5 consigli per far dormire il tuo bambino nel suo letto 6

Al contrario di noi adulti, il ciclo del sonno dei bambini è molto più breve. Infatti, anche se i bambini hanno bisogno di un gran numero di ore di sonno e di riposo in un ciclo di 24 ore, i nostri figli si svegliano in realtà ogni 50 minuti.

Queste fasi di veglia possono essere relativamente brevi e il tuo bambino si addormenterà subito, ma basta un granello di sabbia per interrompere il suo riposo e inizierà a piangere. Questo è poi spesso la fine della serata per noi genitori.

Vediamo ora quali piccoli consigli puoi mettere in atto per evitare tutto ciò e garantirti così un sonno tranquillo che darà finalmente un senso all’antica espressione: “dormire come un bambino”. Segui i nostri preziosi consigli!

Abbiamo appena visto che quando i bambini arrivano in questo mondo, non hanno un ciclo naturale di sonno e risveglio modellato su un ciclo giorno e notte. Spetta quindi a noi genitori portarli gradualmente a regolare se stessi. Questo avviene attraverso la ripetizione costante di schemi e rituali che permetteranno al vostro bambino di situarsi nella giornata.

Ovviamente, questo apprendimento non avverrà da un giorno all’altro e in alcuni casi può richiedere diversi mesi. Certo, questo può sembrare insormontabile. A volte ti arrenderai quando riporterai il bambino a letto, ma ti rassicuro, l’implementazione di rituali di letto per il tuo bambino farà rinnovare le tue notti.

Abitudini, una ripetizione che regola il ciclo del tuo bambino.

In effetti, è creando dei rituali quotidiani che il vostro bambino comincerà gradualmente a regolarsi e ad abituarsi a dormire da solo nella sua stanza.

Iniziare a stabilire delle abitudini prima che il tuo piccolo vada a letto. Fagli un bagno, cambialo, prenditi del tempo per leggergli una storia. Ripetete le stesse azioni giorno dopo giorno in modo che il vostro bambinoidentifichi questi momenti come l’ora della nanna.

Questo può richiedere del tempo all’inizio, dovrete essere pazienti, ma scoprirete che gradualmente il vostro bambino diventerà più calmo e più rilassato all’ora della nanna e accetterà di stare a letto.

Per i sonnellini, lasciatelo dormire in un ambiente sonoro attivo, di solito il tempo di questo è più breve di un sonno notturno e il bambino sarà in grado di riposare mentre voi continuate la vostra giornata. D’altra parte, quando è ora di andare a letto la sera, assicuratevi che sia tranquillo. Il vostro bambino capirà allora la differenza tra un sonnellino e il sonno notturno.

La stanza del bambino, errori da non fare

. Se vuoi che tuo figlio accetti finalmente di dormire nella sua stanza senza svegliarsi piangendo ogni ora, il primo passo è quello di creare uno spazio rassicurante e accogliente in cui lui si senta sicuro. Per fare questo, bisogna seguire alcune regole semplici e facili da attuare. Dovrete creare uno spazio sicuro per il vostro bambino.

● La stanza del tuo bambino dovrebbe essere un luogo calmo, se possibile scegli una stanza leggermente lontana dalla zona giorno della casa.

● Assicurati che questo non sia sovraccarico di decorazioni e oggetti. La moltiplicazione di punti di interesse stimolanti può disturbare il riposo. Nel suo letto, un singolo peluche sarà sufficiente per rassicurarlo.

● Assicurati che i colori nella sua stanza sono morbidi, infatti, è provato che i colori freddi come il blu per esempio, sono favorevoli al riposo. Abbassano la pressione sanguigna e aiutano ad addormentarsi.

● Evitare di posizionare il proprio letto troppo vicino alla finestra, poiché anche il rumore e le spie ambientali possono giocare sul riposo e sul relax.

● Per quanto riguarda la temperatura, in generale i professionisti raccomandano di mantenere la stanza a 19° C

● Ultima cosa: la mattina, quando il vostro bambino si sveglia, se non piange, lasciatelo da solo nella sua stanza per un po’ in modo che possa prendere famiglia con questa stanza che è sua. Più è comodo lì, meno problemi avrai a metterlo a letto.

Mobili, cosa scegliere?

class=
5 consigli per far dormire il tuo bambino nel suo letto 7

La scelta dei mobili della camera da letto è un passo cruciale. Bisogna pensare al benessere del bambino, ma anche tenere conto della praticità per i genitori. I classici presepi con le sbarre vengono ora messi in discussione. Questi must sono un vero calvario per noi quando arriva il momento. Troppo bassi per le nostre schiene, e troppo piccoli per poterli condividere con il nostro bambino, ora sono stati individuati. Si dice che aumentino lo stress infantile a causa della sensazione di confinamento.

Una nuova tendenza spicca, tuttavia, il sistema di sonno Montessori. I letti bassi senza sbarre permettono al bambino di mantenere una certa autonomia. Questo mobile ha anche un vantaggio per i genitori che potranno condividere un momento di lettura o abbracci senza togliere il bambino dal letto. Questo gli permetterà di riaddormentarsi più rapidamente. Al momento del pianto, sarà anche più facile dargli il biberon senza toglierlo dal lettino.

Fidati di tuo figlio, sta imparando gradualmente l’indipendenza e l’autonomia. Naturalmente, questo non vi impedisce di dare la priorità alla sicurezza.
Per quanto riguarda il materasso, è consigliabile utilizzare un materasso piuttosto solido, sia per la camera del vostro piccolo che per il co-sleeping. Dopo aver trascorso nove mesi nel grembo materno e tre mesi con te, è perfettamente normale che il tuo bambino si faccia prendere dal panico per essere solo. Questa è una reazione normale vi assicuro. Puoi rassicurarlo gradualmente e accompagnarlo in questo viaggio verso l’autonomia. Questo viene fatto attraverso gesti semplici e piccoli trucchi.

Come farle sentire la tua presenza

Contrariamente a quello che tutti pensano, cullare il bambino tra le braccia mentre si addormenta non è una buona cosa da fare. Il passaggio dalle vostre braccia al materasso sarà troppo brusco e comincerà a piangere. Lascialo sdraiato nel letto, dagli uno dei tuoi vestiti in modo che possa sentire un profumo rassicurante e parlagli mentre si coccola.

Puoi semplicemente mettere la tua mano sulla pancia dei tuoi bambini per calmarli. Questo è sufficiente per rassicurare il tuo bambino che si sentirà al sicuro.


Lascia la porta leggermente aperta, così può sentire la tua voce e sa che non sei lontano.

Se il tuo piccolo reagisce troppo fortemente al buio con il pianto quando si trova al buio, non preoccuparti, è solo che il tuo piccolo non si orienta quando si sveglia e va nel panico.

Anche se è consigliabile tenere la stanza al buio al momento di coricarsi, è possibile installare una luce notturna nella stanza. È meglio metterlo il più lontano possibile dal lettino per non stimolare il vostro piccolo. Una volta rassicurato, puoi allontanare gradualmente la luce notturna fino a rimuoverla completamente.

Tutto il lavoro sarà poi per mamma e papà da calmare e quietare giorno per giorno.

La nutrizione, uno dei segreti del sonno del bambino.

Pochi articoli danno una risposta chiara sulla correlazione tra l’ora di andare a letto e l’alimentazione, ma qui vi daremo i consigli che sono stati provati. /wp:heading –> Se si pratica l’allattamento al seno, sarà facile iniziare un rituale poco prima di mettere a letto il bambino e dargli così una poppata serale tranquilla. Questo può calmare e tranquillizzare il tuo bambino, che può quindi rilassarsi e addormentarsi una volta sazio. Non c’è nessun rischio provato nel dare il biberon poco prima di dormire. Il vostro piccolo di solito si addormenta durante la poppata nei primi mesi di vita. Poco a poco, puoi muovere questo rituale e dargli il suo pasto in un lasso di tempo un po’ più lontano dall’ora della nanna.

Quando sarai un po’ più grande, dovrai prestare particolare attenzione al pasto che fai la sera. Questo perché alcuni alimenti aumentano il rischio di svegliarsi durante la notte. Dovresti quindi evitare i prodotti che possono fermentare come i broccoli, i cavoli o i fagioli. La digestione di questi diversi alimenti è più difficile e questo tenderà a creare disagio.

Durante la stagione estiva, angurie e meloni dovrebbero essere evitati anche per il pasto serale.
Pasti semplici dovrebbero quindi essere sviluppati con alimenti facili da digerire. Anche le porzioni devono essere adattate, è meglio dare una piccola razione la sera per facilitare il sonno. Evitate anche lo zucchero e i succhi di frutta dopo le 4 del pomeriggio per non ritrovarvi con un piccolo che non vuole più andare a dormire.

Conclusione: 5 consigli per far dormire il bambino nel suo letto.

class=
5 consigli per far dormire il tuo bambino nel suo letto 8

Quindi ecco alcune idee che abbiamo compilato per voi. Molti articoli naturalmente affrontano questo tema caldo per i giovani genitori e noi abbiamo cercato qui di fornire una risposta chiara, che naturalmente non è esaustiva. Si tratta di affrontare la situazione con calma e pazienza e adattarsi al piccolo essere che si ha davanti.

Non c’è una soluzione o una risposta unica a questo problema, ma la condivisione tra i genitori è una meravigliosa fonte di informazioni. Sta a te usare anche il tuo istinto materno o paterno per mettere in atto rituali o idee che funzionano. Non ci sono regole prestabilite, il trucco è restare uniti in questi tempi di grandi sconvolgimenti. Troppo spesso la coppia di genitori si esaurisce invano e questo provoca danni duraturi.

Allora sii fiducioso e metti in atto questi alcuni consigli per iniziare a vedere le cose più chiaramente. E cosa avete messo in atto per far dormire il bambino nel letto? Quali sono i vostri consigli?
E soprattutto dicci in quanto tempo sei riuscito a mettere in piedi tutto questo? Questo può rassicurare i molti genitori che leggono questo.
Carrello
Torna su

-10% DI SCONTO MEDIATO

+1 possibilità di vincere un prodotto gratis

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e ottieni subito il 10% di sconto sul tuo ordine e la possibilità di vincere un prodotto gratuito.