Come fai a sapere se il tuo bambino sta mangiando abbastanza?

Come sapere se il bambino mangia abbastanza: tutti i nostri consigli e risposte qui

Eccovi qui, giovani genitori e, non molto tempo dopo la nascita del vostro bambino, siete già preoccupati di sapere se il vostro bambino sta mangiando abbastanza. Sta guadagnando abbastanza peso? Come potete essere sicuri che le poppate lo soddisfino adeguatamente? Il mio latte materno è davvero adatto per un corretto aumento di peso? Ah, quelle domande infinite che vengono fuori con ogni nuova nascita!

Una cosa è certa, sia che tu abbia deciso di allattare al seno o al biberon, sappi che sei solo all’inizio di tutti questi problemi di allattamento. Perché dopo il latte, arriverà la diversificazione dietetica con l’introduzione di cibi solidi.

una giovane madre che abbraccia il suo bambino sul letto
Come fai a sapere se il tuo bambino sta mangiando abbastanza? 7

Allora ti farai ancora questo tipo di domande. Diremmo addirittura che è lapreoccupazione numero uno di tutte le mamme e i papà, che i loro figli abbiano 2 giorni, 6 mesi o 5 anni! Tutti noi prestiamo molta attenzione alla quantità che i nostri piccoli possono succhiare e ci preoccupiamo rapidamente se il bambino si nutre poco.

Cercheremo quindi di riassumere, attraverso questo articolo, le varie risposte che possono aiutarvi ad essere più sereni sull’alimentazione del vostro piccolo e a mettere le cose in prospettiva. Perché vi renderete presto conto che, come per tutte le questioni relative alla prima infanzia, come sapere se il bambino sta mangiando abbastanza è solo una questione di buon senso, di osservazione e di prendere informazioni da destra e da sinistra per essere ben preparati quando arriva il momento.

Quando allatto al seno, come posso essere sicuro che il mio bambino mangi abbastanza?

Non è un segreto che implementare allattamento al seno non è necessariamente facile. Bisognerà avere pazienza e costruire nei primi giorni questo legame molto speciale tra il neonato e la madre.

una giovane madre seduta su una sedia che allatta il suo bambino e si chiede "Come faccio a sapere se il bambino mangia abbastanza? "
Come fai a sapere se il tuo bambino sta mangiando abbastanza? 8

Una cosa è certa, tutti i bambini hanno un riflesso di suzione innato. Dal momento in cui nascono, e per le prime due ore di vita, questo riflesso sarà al massimo: ogni neonato vorrà iniziare la sua prima poppata.

Molte madri riferiscono di essere assolutamente stupite che questi piccoli esseri, appena nati nel mondo, riescano a tirarsi al seno per succhiare.

Quello che dovrete fare, come mamma e papà, è approfittare della vostra permanenza nel reparto maternità per chiedere aiuto al personale infermieristico per l’allattamento, le ostetriche o le consulenti per l’allattamento sono lì per questo, in modo che le poppate e la vostra produzione di latte inizino molto lentamente ognuno prende il suo ritmo, bambino, mamma e papà.

Perché sì, anche i papà hanno un ruolo da svolgere, quello di tenere la stanza tranquilla (o quando si è a casa), aiutando con tutti i compiti accessori come cambiarlo quando ha urinato o ha avuto un movimento intestinale, fargli il bagno, badare all’a&nd, mentre le mamme possono riposarsi un po’.

Poi, se anche il papà vuole nutrire il suo bambino, può esprimere il suo latte con tiralatte come Medela, Philips o altri. Questi sono rimborsati dal CPAM e possono davvero aiutarti nella tua organizzazione quotidiana.

La saggezza convenzionale

Quando si allatta al seno, è più difficile valutare se l’allattamento è ben diretto, nel senso che non si ha alcuna indicazione di quanto latte il bambino sta inghiottendo. Inoltre, durante le prime settimane, si può allattare in modo un po’ anarchico, solo fino a quando tutto va a posto:

  • ● Il tuo neonato reclama il tuo seno ogni due ore e pensi che sia troppo frequente? Logicamente ti dici che la tua produzione di latte non deve essere sufficientemente nutriente perché lui ti solleciti così tanto… Beh, sai che ti sbagli. Il latte materno è molto più digeribile del latte in polvere, quindi viene digerito in sole due brevi ore.

È quindi abbastanza normale che il mini vi solleciti ancora. Tieni anche presente che dovrai comunque nutrire il tuo bambino a richiesta, almeno per le prime settimane, perché ogni bambino è diverso e dovrai provvedere ai suoi bisogni nutrizionali.

● Inoltre, non farti prendere dal panico se il tuo bambino ha perso peso dalla nascita: tutti i bambini, indipendentemente da come vengono alimentati (seno o formula), perdono circa il dieci per cento del loro peso iniziale, quindi questa perdita di peso non è una misura affidabile del fatto che il bambino stia succhiando abbastanza.

Indicatori chiave del successo dell’allattamento al seno

Ecco alcuni indizi che possono darvi la certezza che vostro figlio sta mangiando bene:

● In media, il lupetto si nutre tra le 6 e le 12 volte al giorno per almeno i primi mesi, per crescere e svilupparsi bene.

● Per quanto riguarda la posizione del seno, il neonato dovrebbe afferrare non solo il capezzolo della madre ma anche una parte molto grande dell’areola. Con la bocca spalancata, il bambino dovrebbe avere il mento appoggiato al seno e la testa inclinata all’indietro.

● Durante una poppata, notate che il vostro piccolo deglutisce in modo udibile e visibile (movimenti delle tempie, movimenti delle orecchie). Sembra concentrato, il suo ritmo è ampio e regolare e le sessioni di suzione sono intervallate da piccole pause (ma il bambino non lascia il seno).

Questo è il momento in cui si dice che sta allattando efficacemente e questi sono chiamati “succhi nutrienti”. Per tua informazione, è quando i bambini si avvicinano alla fine della loro poppata che il flusso rallenta e allora si limitano a “succhiare”, questo è spesso seguito dal sonno o da fasi molto tranquille e saranno loro a lasciare andare il tuo seno da soli.

● Per quanto riguarda la minzione: si usa dire che dopo 3 o 4 giorni, una volta che la scorta di latte è ben stabilita, si dovrebbero cambiare da 5 a 6 pannolini pesanti ogni 24 ore. Questi dovrebbero essere inodori e pallidi. Per quanto riguarda le feci, una volta eliminato il meconio (se non sapete cosa sia, vi consigliamo di digitarlo su Google), devono essere morbide, granulose e di colore giallastro, e almeno tre al giorno per le prime 4 settimane (poi saranno meno frequenti e dovrete affidarvi all’urina, che non diminuirà).

● Infine, per quanto riguarda il seno delle madri, una volta finita la poppata, il seno non deve essere più duro, deve essere vuoto, il capezzolo piuttosto allungato.

Segni di cattivo allattamento che dovrebbero allertare i genitori

Certo, è complicato basarsi sul pianto di un bambino perché, essendo il suo unico mezzo di espressione, può significare tante cose. Può essere il bisogno di latte, certo, ma anche il desiderio di una coccola o di dormire, un modo per loro di evacuare un eccesso di energia alla fine della giornata… È quindi meglio fare affidamento su elementi più “palpabili” come quelli elencati
sotto:

una giovane madre che allatta il suo bambino Areu bb
Come fai a sapere se il tuo bambino sta mangiando abbastanza? 9

● In generale, se manca uno degli elementi elencati nel nostro paragrafo precedente, può essere un segno che il tuo bambino non sta mangiando abbastanza.

● Inoltre, nei primi sei mesi di vita, un neonato guadagna tra 100 e 200 grammi ogni settimana. Se mini non ha guadagnato peso entro la fine della sua prima settimana, questo dovrebbe effettivamente spingerti a cercare un consiglio da un professionista sulla tua produzione di latte.

● Se l’allattamento al seno è raro (meno di 5 al giorno) o se il suo bambino cambia improvvisamente il suo ritmo giornaliero (per esempio dorme quasi sempre) quando tutto sembrava essere regolato per qualche tempo, è meglio contattare uno specialista dell’allattamento.

● Durante una tata, un bambino che non si sente (o molto poco) deglutire è un piccolo che probabilmente non sta allattando con successo. Non farti prendere dal panico però, rimuovilo delicatamente dal tuo petto e prova ad allattarlo di nuovo.


Potrebbe essere necessario togliere il bambino dal seno e provare ad allattare di nuovo.

● In termini di minzione, se i suoi pannolini non sono molto bagnati, devi cambiarlo solo 4 o 5 volte al giorno (o meno), la frequenza delle feci è meno di 3 al giorno, o nessuna, allora mini tu non stai probabilmente allattando efficacemente.

● Infine, l’allattamento al seno non dovrebbe essere doloroso. Solo i capezzoli della madre possono essere un po’ teneri per i primi giorni, ma questo non dovrebbe durare. Qualsiasi dolore al seno deve necessariamente portare ad una consultazione medica, è una questione di salute e della corretta alimentazione del vostro bambino. In ogni caso, ti consigliamo di fare un bilancio dopo quindici giorni

.

Come monitorare l’alimentazione dei bambini nutriti con il biberon

milk in a graduated bottle sitting on a changing table
Come fai a sapere se il tuo bambino sta mangiando abbastanza? 10

Non tutte le mamme fanno la scelta di allattare al seno, quindi è ugualmente importante assicurarsi che il bambino assuma abbastanza latte quando viene nutrito con un bavaglino e formula.
In questo caso, è di solito più semplice tenere traccia della quantità di latte assunto in quanto le bottiglie sono tutte graduate.

Inoltre, le ostetriche della maternità ti avranno probabilmente raccomandato di tenere un registro dei tempi e del volume assunto dal bambino, in modo da poter confrontare il volume complessivo con le raccomandazioni giornaliere.

I segni di buona alimentazione saranno comunque molto simili a quelli dei bambini allattati al seno, con la differenza che il ruttino alla fine del biberon sarà un buon indicatore della sazietà del tuo piccolo. Fino ai 6 kg del bambino, i padri e le madri potranno anche mettere in pratica la cosiddetta “rregola di Appert “, per aiutarli a calcolare la quantità giornaliera di latte da dare al loro bambino. Questa regola si calcola dividendo il peso del bambino in grammi per dieci, poi aggiungendo 250. Questo numero è la quantità di latte al giorno che il tuo mini dovrebbe prendere (in ml al giorno). A seconda della sua età, puoi poi dividerlo per il numero di bavaglini che il tuo piccolo prende. Per tua perfetta informazione, ecco, in media, il numero di bibis che un neonato dovrebbe prendere nel corso dei mesi:
  • primo mese: da 6 a 8 bibis
  • secondo mese: da 6 a 7 bibis
  • terzo mese: 5 bibis
  • quarto e quinto mese: 4 bibis

Per esempio, se la mia bambina di un mese pesa 5000 grammi (5 kg):
5000 / 10 + 250 = 750 ml di latte / giorno
Dovrebbe quindi prendere circa 750 ml di latte al giorno, divisi in 6-7 bottiglie.
Questa regola può quindi essere molto utile ai giovani genitori che vogliono avere una buona gestione e rassicurarsi sull’assunzione di latte.

Che dire della diversificazione della dieta?

una giovane madre che nutre il suo bambino con un cucchiaio che è seduto nel suo seggiolone
Come fai a sapere se il tuo bambino sta mangiando abbastanza? 11

Quando passerai alla diversificazione della dieta intorno ai 5 mesi del tuo bambino, anche tu ti farai tutte queste domande. Può anche essere più complicato perché il tuo bambino rifiuterà sicuramente alcuni cibi troppo nuovi o troppo saporiti per il suo palato ancora sensibile.

E poi sentirai che non ha mangiato come vorrebbe.
Una cosa è certa, prima di sapere se il bambino sta mangiando abbastanza, questi sono i segni che puoi passare all’introduzione di alimenti complementari al latte materno o artificiale (tra i 4 e i 6 mesi, non prima):
  • Il tuo bambino è in grado di stare seduto, riuscendo anche a piegarsi in avanti.
  • Chiede sempre più poppate al seno o al bavaglino, prova che non è sazio.
  • Mostra particolare interesse per il cibo quando si mangia, porta gli oggetti alla bocca, cerca di masticarli.
    • È in grado di dire “no” con la testa, sa spingere via gli oggetti (e quindi può essere in grado di spingere via un cucchiaio di purè di patate se non ha più fame).


    Come vi abbiamo ricordato sopra, al momento dei pasti non dovete preoccuparvi di rifiutare il cibo, un neonato può impiegare molto tempo per accettare un nuovo alimento (a volte fino a 20 volte).

    Tieni solo presente che, come te, il suo appetito è variabile: può divorare il suo purè un giorno, e poi mangiarne solo due cucchiai il giorno dopo.
    A meno che non siano malati, i bambini sanno ascoltarsi e non mangiare da soli.

    Questi possono, per esempio, essere troppo stanchi all’ora del pasto (nel qual caso preferiranno bere un frullato e poi dormire), ma avranno invece uno spuntino più sostanzioso dopo. Se vedete che il vostro bambino è più interessato al suo piatto e al cucchiaio, anche se ci vuole molto tempo, ha fame. Se invece si rifiuta di aprire la bocca, guarda altrove, o addirittura piange, ne ha avuto abbastanza. Qualunque sia il caso, se avete il minimo dubbio sul corretto svolgimento della sua alimentazione, non esitate a contattare il vostro pediatra o medico che, sicuramente, sarà in grado di rassicurarvi.

    Il caso speciale dell’alimentazione autonoma

    un bambino seduto nel suo seggiolone che mangia frutta tagliata in piccoli pezzi
    Come fai a sapere se il tuo bambino sta mangiando abbastanza? 12

    Sono sempre di più quelli che sperimentano la diversificazione alimentare guidata dal bambino, più popolarmente conosciuta come auto-alimentazione. Questo metodo consiste nell’introdurre il cibo in piccoli pezzi piuttosto che in purea e poi lasciare che il bambino si nutra da solo, usando le mani, senza l’aiuto di un cucchiaio. Questo gli permette di scoprire meglio gli odori, i colori e le consistenze di ogni cibo, di godere di mangiare la stessa cosa che mangia il resto della famiglia, di sviluppare la sua coordinazione e le sue capacità motorie fini e di rispettare la sua sazietà in modo più naturale.

    Questo nuovo metodo può ancora causare qualche preoccupazione per mamme e papà, poiché il bambino probabilmente giocherà con il cibo più che mangiarlo, almeno all’inizio. Così il latte rimarrà l’alimento principale, poi gradualmente scoprirete che il vostro piccolo mangerà sempre meglio.

    Come avrete letto prima, ci sono molte piccole regole da conoscere& per quanto riguarda l’alimentazione dei bambini, sia durante l’allattamento al seno (artificiale o al seno), sia durante l’introduzione di cibi solidi.

    Tenete a mente che i vostri piccoli non mai moriranno di fame, possono avere meno appetito quando sono stanchi, malati o con il caldo, per esempio, ma non c’è motivo che un bambino smetta di mangiare durante la notte.

    Inoltre, te l’abbiamo detto più volte, è meglio chiedere consiglio a tutti i professionisti che puoi incontrare: ostetriche, pediatri, medici di base, loro sono lì per guidarti e aiutarti nelle tue scelte e nei tuoi modi. Se anche tu hai aneddoti o consigli da raccontarci sull’argomento, non esitare a condividerli con noi nei commenti di questo articolo, tutti i genitori qui saranno sicuramente interessati!
    Carrello
    Torna su

    -10% DI SCONTO MEDIATO

    +1 possibilità di vincere un prodotto gratis

    Inserisci il tuo indirizzo e-mail e ottieni subito il 10% di sconto sul tuo ordine e la possibilità di vincere un prodotto gratuito.