Singhiozzo del bambino: 5 consigli per fermarlo

5 consigli per fermare il singhiozzo del bambino

Il singhiozzoè un fenomeno normale, persino comune, nei neonati. Non è in alcun modo doloroso. Se quindi non c’è da preoccuparsi, può essere fermato per il comfort del bambino. Prima di darti 5 consigli su come fermare il singhiozzo del bambino, vediamo cosa lo causa e quale processo fisico lo provoca.


Come spiegare il fenomeno del singhiozzo

class=
Singhiozzo del bambino: 5 consigli per fermarlo 6


Il hoquet o mioclono frenoglottico non ha un uso fisiologico, ma è la causa di una disfunzione abbastanza benigna. Non provoca alcun dolore fisico o stress, poiché il bambino vi è abituato fin dalla vita fetale.
Il singhiozzo si verifica quando lo stomaco è pieno. Può essere con il latte, dopo l’allattamento della madre o con il biberon, ma anche con l’aria, dopo una crisi di pianto o di risate, o con il liquido amniotico nel grembo della madre.


Il singhiozzo del feto

class=
Singhiozzo del bambino: 5 consigli per fermarlo 7

Il singhiozzo appare già alla ventesima settimana di gravidanza. Non solo il singhiozzo nell’utero è un evento comune, ma è un segno che il feto si sta sviluppando correttamente.

Il bambino in via di sviluppo inizia il suo processo di apprendimento. Si prepara a respirare, così come a deglutire, inalando il liquido amniotico. Tuttavia, può deglutire male o abusarne, innescando il singhiozzo.
La madre sente allora dei tremori. Anche se questi possono essere sconcertanti all’inizio, sono presto riconoscibili. A differenza dei gesti del feto, che spesso appaiono erratici, il singhiozzo provoca già un caratteristico scuotimento regolare.


Il hoquet del feto può rimanere breve e verificarsi solo per pochi minuti, ma può anche durare fino a un’ora, il che può essere fastidioso per la madre. Non esiste una soluzione miracolosa e definitiva per fermare il singhiozzo fetale. La madre può provare alcuni trucchi che a volte funzionano, ma non sistematicamente: cambiare posizione, sdraiarsi e accarezzare la pancia per calmare il bambino, o camminare per generare movimento nel feto. Se niente funziona, la pazienza è la chiave!


Il singhiozzo del neonato

class=
Singhiozzo del bambino: 5 consigli per fermarlo 8


Quando lo stomaco è pieno, l’aumento del suo volume provoca di riflesso la stimolazione del diaframma. Questo muscolo che separa lo stomaco dai polmoni è meccanicamente teso dall’espansione dello stomaco; si contrarrà poi in modo incontrollato e a intervalli regolari. Il singhiozzo può causare da 4 a 60 contrazioni al minuto e può durare fino a un’ora.


Il suono caratteristico del singhiozzo è indotto dalla vibrazione delle corde vocali e dalla chiusura della glottide, dopo ogni spasmo.


Il singhiozzo può essere preoccupante e nascondere un problema

class=
Singhiozzo del bambino: 5 consigli per fermarlo 9


Il hoquet è normale, purché non sia accompagnato da febbre o vomito. Se lo è, dovrebbe parlare con il suo pediatra.

Inoltre, se sentite che il singhiozzo del vostro bambino è ricorrente e continua per un periodo di tempo preoccupante, potreste anche voler avvertire il pediatra, poiché potrebbe mascherare un problema sottostante di malattia da reflusso gastro-esofageo (GERD).

Il reflusso è causato dall’immaturità della valvola muscolare alla fine dell’esofago. Il suo ruolo è quello di mantenere il cibo nello stomaco e ci vogliono alcuni mesi perché funzioni normalmente.

La GERD è una normale manifestazione digestiva nei bambini, ma dovrebbe diminuire con l’età. Se persiste, può essere considerato patologico e causare un’infiammazione dell’esofago, generata dall’acidità del rigurgito. Il GERD cronico può essere un segno di un’anomalia esofagea, un disturbo dello sviluppo psicomotorio o un problema polmonare.

Vai a Ameli se vuoi saperne di più sulla malattia da reflusso gastroesofageo infantile.


Cosa causa il singhiozzo

baby hiccup
Singhiozzo del bambino: 5 consigli per fermarlo 10


La causa principale del singhiozzo deriva da uno stomaco pieno, ma non è l’unica causa. Tuttavia, spiega perché il singhiozzo si verifica più spesso alla fine di un pasto, o anche durante un pasto. In quest’ultimo caso, la causa più probabile è che il bambino abbia inghiottito il suo biberon – o la sua poppata – troppo rapidamente e in modo scorretto.

.

Quindi la prima precauzione è quella di assicurarsi che il bambino mangi lentamente, senza fretta. Se trovate difficile frenare la sua foga di mangiare, fate una pausa a metà del pasto.

La prima precauzione è di assicurarsi che il vostro bambino mangi lentamente, senza correre. Un’altra causa abbastanza comune di singhiozzo è l’irrequietezza. Il bambino è sconvolto, gesticola e si contorce, il che può fargli inghiottire aria per errore e scatenare un attacco di singhiozzo.

I nostri 5 consigli per fermare il singhiozzo del bambino

Stiamo parlando di neonati qui, quindi non si tratta di ricorrere a metodi radicali che potrebbero traumatizzarli e che dovrebbero essere riservati ai bambini più grandi e agli adulti: spaventare il bambino spaventandolo o trattenendo il respiro, per esempio. “La pazienza e la lunghezza del tempo fanno più della forza o della rabbia” diceva La Fontaine, questo vale per il singhiozzo del bambino!

1 – Assicurarsi che i pasti siano presi in modo calmo e sereno


Il singhiozzo è causato da un sistema digestivo immaturo nel bambino. Dovrebbe quindi fare tutto il possibile per prendersela comoda. Se il vostro bambino ha la tendenza a scagliarsi contro il biberon o la poppata, dovete insegnargli a prendere il suo tempo, il che richiede tatto e molta misura.

In effetti, se dovete fare delle pause, un bambino goloso tende a diventare rapidamente irritato dalla frustrazione. Gesticolare e piangere amplifica solo il problema del singhiozzo. Ecco perché bisogna trovare il momento di pausa ideale in modo che l’apparato digerente del bambino abbia il tempo di fare il suo lavoro, ma senza far aspettare troppo il bambino.


Potresti provare il metodo “wp:paragraph”.

Puoi provare a distrarti durante le pause pasto. Prendete il vostro bambino in braccio e portatelo in giro accarezzandogli la schiena per fargli fare il ruttino. Dirotta la sua attenzione in modo che non diventi impaziente, poi dagli il resto del suo pasto.

Prova il ciuccio a basso flusso

È possibile utilizzare un nipplo che offre diverse velocità. Riducendo la portata, si riduce la quantità di cibo ingerito, che a volte è sufficiente a prevenire il singhiozzo.

Prevenire la fame

Se il tuo bambino è un tipo famelico, non dovresti mai aspettare che abbia fame per nutrirlo. Non tardare mai con i pasti e cerca anche di prevenire la sua fame. Se gli dai da mangiare prima che abbia fame, sarà molto più calmo e avrà meno probabilità di avere un attacco di singhiozzo.

.


2 – Non mettere il tuo bambino a dormire dopo la poppata


Poiché l’apparato digerente del bambino non è ancora completamente sviluppato, bisogna aiutarlo a funzionare. Se si mette il bambino a letto subito dopo la poppata, si complica la meccanica della digestione. Invece, portate il bambino a spasso dondolandolo e accarezzandogli la schiena per stimolare il corpo.

Si può anche alternare con una sessione di giro, durante la quale lo si stende a pancia in giù e gli si massaggia la schiena. Usa il tuo dito indice per fare movimenti circolari – senza premere troppo forte – sulla sua spina dorsale, sul punto nel prolungamento della fine della sua scapola.

Puoi anche alternare con una sessione in grembo, durante la quale ti sdrai sul suo stomaco e gli massaggi la schiena.

Il tempo tra la fine del pasto e l’ora di andare a letto dovrebbe essere di almeno 20 minuti.


3 – Dai al tuo bambino un cucchiaino di acqua fresca

Il cucchiaio di acqua fresca, ma non ghiacciata, può provocare una reazione e ripristinare la funzione della valvola, fermando il singhiozzo del tuo bambino a freddo. Deglutire a volte è sufficiente.

Se il cucchiaino non è sufficiente, prova con una piccola bottiglia di acqua fresca.


4 – Testare le tettarelle antiaerofagiche


Per i bambini allattati al biberon, la scelta della tettarella può prevenire il hoquet. Come discusso sopra, la tettarella a basso flusso aiuta a regolare la quantità di alimentazione, ma ci sono anche tettarelle anti-aerofagiche. Questi sono progettati per regolare l’ingresso dell’aria nella bottiglia.

. I nippli anti-aria sono spesso nippli con i quali è possibile scegliere anche la portata. Dovresti provare le diverse impostazioni per trovare quella che funziona meglio per il tuo bambino.

Qualunque sia la tettarella che usi, dovresti iniziare a premere su di essa per far uscire il latte. Questo evita che il tuo bambino cominci il suo pasto con un sorso d’aria che potrebbe scatenare un attacco di singhiozzo.


5 – Una goccia di succo di limone per i bambini sopra i 3 mesi

Metti una goccia o due di succo di limone puro sulla lingua del tuo bambino. L’acidità del frutto lo sorprende e naturalmente tratterrà il respiro, per un tempo molto breve. Quando il diaframma cessa di essere sollecitato, si rilassa e il hoquet scompare&t.

Evitare questa ricetta della nonna prima dei 3 mesi, perché lo stomaco del bambino è ancora sensibile. È meglio che il singhiozzo non duri a lungo, piuttosto che causare bruciori di stomaco.

E cosa fai per superare il singhiozzo del tuo bambino? Ti invitiamo a condividere nei commenti di questo articolo tutti i consigli che hai per aiutare altri genitori a fermare il singhiozzo dei loro bambini.

Carrello
Torna su

-10% DI SCONTO MEDIATO

+1 possibilità di vincere un prodotto gratis

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e ottieni subito il 10% di sconto sul tuo ordine e la possibilità di vincere un prodotto gratuito.