Vitamina D per bambini: quando e come darla?

Il pro-ormone vitamina D gioca un ruolo essenziale nel metabolismo del calcio. Contribuisce molto alla costituzione delle ossa ma agisce anche con il sistema immunitario, il miglioramento delle funzioni muscolari o la stimolazione delle piastrine. Tuttavia, solo il 20% dell’apporto raccomandato per una buona salute proviene dal cibo. È quindi essenziale integrare questo basso apporto con una sufficiente esposizione ai raggi UVB del sole. Tuttavia, questo è già difficile da ottenere per gli adulti, quindi per i bambini che non possono sperimentare la luce solare diretta, l’integrazione è essenziale. Allora, quando e come dare la vitamina D al tuo bambino?

Quindi, come la dai al tuo bambino?

Perché-dare-vitamina D ai neonati ?

La vitamina D gioca un ruolo essenziale nella crescita del bambino. Permette di sintetizzare il calcio e quindi contribuisce al corretto sviluppo delle ossa. Tuttavia, questa preziosa vitamina è prodotta dal corpo umano solo attraverso una sufficiente esposizione ai raggi UVB del sole. Ma anche attraverso una dieta ricca di pesce grasso. La fonte più importante di vitamina D è l’esposizione al sole. Sotto l’influenza dei raggi ultravioletti B, la provitamina D3 presente nel corpo umano si trasforma in pre-vitamina D3. È il calore che trasforma la pre-vitamina D3 in vitamina D3 sintetizzata metabolicamente.

Le fonti sono limitate e la carenza di vitamina D può verificarsi molto rapidamente.

Le conseguenze della carenza di vitamina D possono essere molto gravi. Può portare al rachitismo che colpisce varie parti del corpo. Questa malattia ossea può colpire sia i neonati che i bambini e gli adolescenti. Possono verificarsi deformazioni agli arti inferiori, al torace o una crescita stentata.
La prevenzione del rachitismo giustifica quindi l’integrazione di vitamina D nei bambini. Fornendo vitamina D2, ergocalciferolo, o vitamina D3, colecalciferolo, i rischi di rachitismo sono completamente esclusi.

La pigmentazione della pelle e l’esposizione al sole devono anche essere prese in considerazione per fornire un dosaggio adatto ad ogni bambino.

Per i bambini, entra in gioco la composizione del latte. Per quanto riguarda l’esposizione ai raggi ultravioletti B, questa è ovviamente ridotta per proteggere i molto giovani.

Qual è la vitamina D per i bambini ?

baby smiling in bed ready to take his vitamin D dose
Baby smiling after taking his vitamin D dose

Oltre all’assorbimento del calcio attraverso l’intestino che promuove ossa forti, la vitamina D ha diversi altri benefici. Si tratta infatti di un ormone neuroprotettivo che è fondamentale per lo sviluppo del cervello. La mancanza di questa vitamina si rivela in particolare nelle patologie di Alzheimer, psicosi, autismo o epilessia.

Un altro ruolo chiave della vitamina D è la sua influenza sul sistema immunitario. La vitamina previene le malattie autoimmuni, soprattutto quelle che causano l’infiammazione del tratto digestivo come il morbo di Crohn. Anche il diabete o le allergie sarebbero sensibili alla vitamina D e a un sistema immunitario più performante.

La vitamina D non ha ancora espresso tutta la sua competenza potenziale, ma i medici sanno già che ha un impatto sulle malattie infettive. I suoi benefici sono già provati contro la tubercolosi. Altri aspetti rimangono inspiegabili, ma il coinvolgimento della carenza di vitamina D è già dimostrato nell’obesità e nell’asma.

Ora sembra possibile che questa stessa vitamina possa avere un ruolo nelle malattie cardiovascolari o nel cancro. Secondo il pediatra Eric Osika, gli studi continuano a confermare il valore della vitamina D e quindi la sua assunzione necessaria per i bambini.

Baby vitamina D : dosaggio

bambino sorridente che mangia
Vitamina D per bambini: quando e come darla? 5

Sebbene sia stato dimostrato che la vitamina D è essenziale per il corretto sviluppo dei bambini, essa è tuttavia soggetta a un dosaggio che deve essere rispettato. Come per qualsiasi integratore alimentare, il sovradosaggio non è di alcun beneficio per la salute e può portare a gravi conseguenze.

In caso di vitamina D overdose, livelli eccessivi di calcio nel sangue, altrimenti noti come ipercalcemia, portano a molteplici rischi che vanno dalla nausea al coma ai rischi ossei.

Per evitare questi pericoli, quindi, non ci si dovrebbe rivolgere a oscuri integratori alimentari ma a farmaci con contenuti identificati e dosi finemente prescritte.


In questa classificazione entrano, per esempio, Adrigyl, Deltius e ZymaD, tutti costituiti da vitamina D3 di cui una goccia di medicinale rappresenta una dose da 200 UI (unità internazionale) a 333 UI. In termini semplici, la dose giornaliera è di 400 UI per i bambini sani da 0 a 18 anni. Per la stessa fascia di età, un bambino con un fattore di rischio può consumare fino a 800 UI di vitamina D al giorno. Le variazioni richiedono quindi un trattamento individualizzato e una consulenza medica.

Alcuni dei fattori più importanti sono

In modo raffinato, prevenzione del rachitismo nei bambini sotto 1 anno di età, con un dosaggio da 400 a 600 UI al giorno. Un’integrazione da 600 a 800 UI al giorno è giustificata fino a 5 anni di età nei piccoli con la pelle molto pigmentata o senza esposizione al sole. In ogni caso, tra i 5 e i 10 anni di età, la vitamina D supplementare non sembra necessaria. D’altra parte, dovrebbe essere preso di nuovo durante la crescita, con due dosi sotto forma di fiale in ottobre e gennaio per compensare la mancanza di raggi UVB causata dalla stagione invernale.

Come donare la vitamina D al bambino

mum giving vitamin D to her baby with a pipette
Baby taking his dose of vitaminD

  • Per i bambini più grandi, gli adolescenti o gli adulti, le scatole di integratori di vitamina D sono date in fiale monodose.
  • Per i neonati prematuri, la vitamina D è diluita in 2-3 ml di latte prima di essere data in una tettarella a flusso lento.
  • Se il bambino soffre di reflusso gastroesofageo, le gocce devono essere diluite in poca acqua o latte e somministrate attraverso una tettarella a flusso lento.
  • Per i neonati le dosi di vitamina D prendono la forma di liquidi da somministrare attraverso un contagocce.

Come-donare-vitamin-dase-his-baby?

Per evitare il rischio di una falsa partenza, il supplemento di vitamina D deve essere sempre dato quando il bambino è in posizione semi-seduta. La testa si appoggia poi leggermente flessa sul braccio dell’adulto.

Così, quest’ultimo si assicura che il neonato sia completamente sveglio per garantire una corretta deglutizione.
La pipetta di conteggio viene poi posta all’interno della guancia del bambino, che dovrebbe essere in grado di succhiare la sua estremità nel modo più naturale possibile.

Se la reazione non arriva istintivamente a questo contenitore estraneo, l’integratore di vitamina D può essere dato goccia a goccia in modo che il bambino possa inghiottire ogni goccia man mano che arriva.

Una volta che il supplemento è stato somministrato, assicuratevi di non stendere il bambino subito. È importante usare solo la siringa o la pipetta fornita con l’integratore.


Questa è la prima volta che devi usare la siringa o la pipetta che viene con il supplemento.

Quali sono i rischi con gli integratori di vitamina D ?

La distinzione tra farmaci prescritti e dosati e integratori alimentari è importante in relazione alla vitamina D perché l’uso illimitato di quest’ultima non è senza rischi. L’Agence Nationale de Sécurité du Médicament e le società pediatriche colte, tra gli altri, menzionano vari problemi legati all’uso di integratori alimentari di vitamina D nei bambini.
Così, la concentrazione di vitamina per goccia è talvolta indicata come molto alta, fino a 10.000 UI di vitamina D mentre non c’è alcuna raccomandazione di adattare il consumo all’età del bambino. C’è anche un rischio di confusione quando si usano combinazioni non identificate di prodotti contenenti vitamina D. Gli integratori alimentari spesso contengono anche altre vitamine oltre alla vitamina D. Per esempio, la vitamina K o la vitamina C possono essere aggiunte a un integratore alimentare. Per esempio, la vitamina K o il calcio sono regolarmente inclusi negli integratori. Tuttavia, aggravano il rischio di ipercalcemia, che porta a depositi di calcio nel rene.

Il rischio di ipercalcemia è aumentato dall’aggiunta di altre vitamine.

Quali cibi ricchi di vitamina D per il bambino ?

La carenza di vitamina D può essere prevenuta con un’integrazione farmacologica. E il sovradosaggio non è più da temere, purché l’uso sia controllato da una prescrizione pediatrica. La professione medica garantisce il rispetto delle dosi giornaliere. E non bisogna trascurare l’apporto naturale che l’alimentazione rappresenta.
I latti di maternità, di prima e seconda età, sono sempre arricchiti in vitamina D. Ma non sono un sostituto dell’integrazione. Un bambino nutrito con latte materno assorbe una media di 50 UI di vitamina D, che è ben lungi dall’essere sufficiente per i suoi bisogni quotidiani. Quindi, anche qui, si dovrebbero aggiungere gocce di vitamina D.

.

Non appena la sua età e la diversificazione della dieta lo permettono, l’inclusione del pesce grasso nei suoi menu assicura una buona fonte di vitamina D. Salmone, trota, tonno e sgombro sono in cima alla lista. Come per le acciughe, il cui sapore è forse più difficile da accettare per un bambino. Per la carne, per l’assunzione in piccole quantità, il vitello e il pollo sono i principali interessati.

Baby vitamina D : in breve

Come avrete capito, l’integrazione di vitamina D è importante per il vostro bambino. Lo protegge dal rachitismo e stimola molte funzioni essenziali per il suo metabolismo. Questo influenzerà la sua salute per tutta la vita. Le medicine e gli integratori alimentari sono finemente sintonizzati per contenere solo vitamina D3. Meglio sintetizzati dal corpo umano e privi di vari additivi, sono inclusi nella dieta quotidiana del tuo bambino. Assicurati di rispettare il dosaggio prescritto dal tuo pediatra.

Il modo migliore per ottenere il massimo dalla dieta del tuo bambino è portarlo con te. <È una buona idea seguire le istruzioni del vostro pediatra.
Ecco una tabella riassuntiva delle assunzioni nutrizionali raccomandate:

Si possono trovare le unità di misura in microgrammi (µg) e unità internazionali (UI) per facilitare la ricerca dei punti di riferimento a seconda del prodotto che avete.

Tabella riassuntiva delle razioni alimentari raccomandate
Vitamina D per bambini: quando e come darla? 6

Ora siete informati sulla vitamina D. Così sai perché, quando e come dare al tuo bambino la vitamina D.


Sia che tu sia nel bel mezzo della messa in discussione della vitamina D o che tu abbia già provato diverse forme di integrazione, condividi le tue domande e raccontaci come hai scelto la tua vitamina D. La tua esperienza è preziosa!

Carrello
Torna su

-10% DI SCONTO MEDIATO

+1 possibilità di vincere un prodotto gratis

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e ottieni subito il 10% di sconto sul tuo ordine e la possibilità di vincere un prodotto gratuito.